Corso Agricoltura di precisione

L’agricoltura smart pur continuando ad utilizzare i principi e le tecniche dell’agricoltura conservativa, con l’apporto dell’agricoltura di precisione, unisce i vantaggi della sostenibilità e della redditività con quelli della produttività, digitalizzazione e tracciabilità dei processi e dei prodotti finali. L’agricoltura di precisione, tramite tecnologie informatiche e digitali, ha l’obiettivo di gestire razionalmente le variabilità temporali e quelle interne agli appezzamenti, in modo da modulare gli interventi colturali col fine di massimizzarne l’efficienza riducendo anche le emissioni. In altre parole, l’agricoltura di precisione è un insieme di tecnologie volte alla raccolta di dati che, una volta analizzati, possono essere utilizzati per prendere decisioni riguardanti le attività produttive in campo, facendo la cosa giusta, al momento giusto e al punto giusto.

L’obiettivo è l’aumento della produzione, sia qualitativo che quantitativo, ottimizzando al massimo il costo dei fattori produttivi e l’impatto delle attività agricole sull’ambiente, attraverso il miglior utilizzo dei mezzi tecnici a disposizione. All’interno del corso oltre alle relazioni dei relatori ci saranno le testimonianze degli imprenditori agricoli che applicano già questo tipo di realtà all’interno delle loro aziende, raccontandone i valori concreti ottenuti.

5

15.11.21 - ore 18:30

Prof. Raffaele Casa – Università della Tuscia
La gestione agronomica dell’azienda agricola, le pratiche di Precision Farming che riducono emissioni e migliorano la sostenibilità

 

5

22.11.21 - ore 18:30

Dott. Pierluigi Meriggi – Horta srl
Strumenti di supporto alle decisioni (DSS) per la gestione dei sistemi colturali e per una applicazione ottimale dei mezzi tecnici

 

5

29.11.21 - ore 18:30

Prof. Roberto Oberti – Statale di Milano
Tecnologie disponibili sulle macchine agricole, focus su gestione remota del parco macchine

 

5

13.12.21 - ore 18:30

Prof. Angelo Frascarelli – Università degli Studi di Perugia
Il ritorno economico dall’applicazione del Precision Farming e l’accesso ai fondi del Pnrr

 

Corso Agricoltura di precisione – novembre 2021

140,00

L’agricoltura smart pur continuando ad utilizzare i principi e le tecniche dell’agricoltura conservativa, con l’apporto dell’agricoltura di precisione, unisce i vantaggi della sostenibilità e della redditività con quelli della produttività, digitalizzazione e tracciabilità dei processi e dei prodotti finali. L’agricoltura di precisione, tramite tecnologie informatiche e digitali, ha l’obiettivo di gestire razionalmente le variabilità temporali e quelle interne agli appezzamenti, in modo da modulare gli interventi colturali col fine di massimizzarne l’efficienza riducendo anche le emissioni. In altre parole, l’agricoltura di precisione è un insieme di tecnologie volte alla raccolta di dati che, una volta analizzati, possono essere utilizzati per prendere decisioni riguardanti le attività produttive in campo, facendo la cosa giusta, al momento giusto e al punto giusto.

L’obiettivo è l’aumento della produzione, sia qualitativo che quantitativo, ottimizzando al massimo il costo dei fattori produttivi e l’impatto delle attività agricole sull’ambiente, attraverso il miglior utilizzo dei mezzi tecnici a disposizione. All’interno del corso oltre alle relazioni dei relatori ci saranno le testimonianze degli imprenditori agricoli che applicano già questo tipo di realtà all’interno delle loro aziende, raccontandone i valori concreti ottenuti.

Il corso prevede 4 incontri, per quattro settimane, alle ore 18:30.
Le lezioni si svolgeranno sulla piattaforma di Zoom, verrà fornito il link, l’id meeting e la relativa password, dopo aver eseguito il pagamento. L’accesso potrà essere effettuato da qualsiasi dispositivo elettronico (PC, Tablet, Smartphone), occorre soltanto una connessione internet.

N.B. Seleziona il numero di posti totali che desideri acquistare, successivamente compila i dati di ogni singolo partecipante.

×

Corso Agricoltura di precisione - novembre 2021 #1

140,00
Categoria:

Produrre di più con una quantità inferiore di risorse e mantenendo alti standard di qualità: questo è l’obiettivo finale dell’agricoltura di precisione.

Questo tipo di approccio presenta un duplice vantaggio: per le aziende agricole, che possono ottimizzare sforzi e risorse, ridurre consumi e sprechi, aumentando la produttività dei terreni. Per agricoltori e contoterzisti il lavoro diviene più redditizio anche perché si abbattono i costi orari, grazie a lavorazioni gestite in maniera più rapida ed efficace. Per l’ambiente, in quanto si riducono gli sprechi di fertilizzanti e diserbanti, diminuiscono emissioni e compattamento dei terreni grazie a un utilizzo più razionale delle risorse. Praticare l’agricoltura di precisione diventa sempre più urgente a causa dell’aumento del fabbisogno di cibo a livello mondiale, a seguito dell’aumento esponenziale della popolazione a cui stiamo assistendo negli ultimi decenni: secondo le previsioni nel 2050 le persone da sfamare saranno circa nove miliardi. Diventa quindi una priorità aumentare la produzione di cibo senza che però questo comporti un maggiore sfruttamento di risorse chiave come acqua e concime. È inoltre fondamentale riuscire a ottenere questi risultati senza compromettere le qualità fisiche e chimiche dei terreni: solo in questo modo sarà possibile attuare un modello di produzione alimentare sostenibile.

Per agricoltura di precisione si intendono una serie di strategie e strumenti che permettono di ottimizzare e aumentare qualità e produttività del suolo attraverso una serie di interventi mirati, un risultato che si può ottenere grazie a tecnologie sempre più avanzate. Viene detta “di precisione” perché grazie ai più moderni strumenti è possibile realizzare l’intervento giusto, nel posto giusto, al momento giusto, rispondendo alle esigenze specifiche delle singole colture e di singole aree del terreno, con un livello di precisione elevato. Sfruttando appieno la sinergia tra mappature delle aree, camere termiche e sensori multi-spettrali, riusciamo ad ottimizzare i processi di produzione. Grazie alla qualità dei dati che acquisiamo, non solo riusciamo ad effettuare valutazioni sullo stato fito-sanitario delle piante ma, riusciamo a migliorare l’efficienza della produzione agricola e a ridurre l’impatto sull’ambiente.

In un campo coltivato è molto probabile che la produzione non risulti omogenea. Questa non omogeneità è dovuta al fatto che ci sono zone con una resa maggiore ed altre invece con una resa inferiore. Molti sono i fattori che incidono su questa variabilità nella produzione, ad esempio essa può dipendere da una non corretta applicazione del concime o da una semina effettuata in modo sbagliato. Spesso, però, questa variabilità è indotta da elementi oggettivi: ad esempio una differente composizione del terreno; la presenza di avvallamenti, dove ristagna l’acqua, o di zone più compattate e quindi meno porose. Riuscire a comprendere cosa genera questa variabilità e quindi trovare le giuste soluzioni, quando è possibile, o adattare il processo produttivo in modo da ridurre gli sprechi è il compito che si prefigge  l’Agricoltura di Precisione (AP) o anche Precision Farming (PF) o Precision Agricolture (PA).

L’agricoltura di precisione si basa sull’utilizzo di dati puntuali, georeferenziati e misurati su un arco temporale definito. In poche parole, è necessario non solo conoscere i valori, ma anche dove e quando sono stati misurati, ripetendo le misurazioni periodicamente. Attraverso
– Stazioni meteo che raccolgono parametri ambientali come l’umidità dell’aria, la temperatura, le precipitazioni, la direzione e l’intensità del vento
– Mappature satellitari per ottenere mappe multispettrali satellitari dei tuoi appezzamenti indicanti diversi indici vegetativi
– Telemetria e dati dai macchinari per molteplici operazioni:
– Fertilizzazione di precisione: cioè in grado di modulare le dosi in base alla sua posizione nell’appezzamento.
– Semina a rateo variabile: variare il numero di piante per metro quadro all’interno dell’appezzamento, oppure fra un campo e l’altro, in base al livello tecnologico del parco macchine
– Irrigazione di precisione: i dati raccolti dai sensori possono evidenziare zone in cui è necessario un maggiore apporto irriguo per sostenere la coltivazione. Grazie alle mappature è possibile gestire in modo differenziato i programmi di irrigazione utilizzati da impianti a goccia o pivot ad aspersione

Prof. Raffaele Casa

Prof. Raffaele Casa

Università della Tuscia

Dott. Pierluigi Meriggi

Dott. Pierluigi Meriggi

Horta

Prof. Roberto Oberti

Prof. Roberto Oberti

Statale di Milano

Prof. Angelo Frascarelli

Prof. Angelo Frascarelli

Università degli Studi di Perugia