Titolo corso                                                                                                                                                                                                                     

Corso sui Foraggi 
   

Appare sempre più importante la richiesta da parte degli operatori del settore sulla tipologia di foraggere da seminare per le varie specie di ruminanti. Infatti le caratteristiche del nostro paese, dove la disponibilità di risorse idriche è distribuita a macchia di leopardo, hanno contribuito a trovare una valida alternativa nei cereali autunno vernini.
Queste colture si raccolgono in genere a metà primavera per cui possono avvicendarsi con la coltura estiva del sorgo ma anche del mais.
I relatori affronteranno i temi di come affrontare la migliore scelta e coltivazione dei cereali autunno vernini valorizzando il prodotto nella razione ma anche come produrre un’ottimo prodotto limitandone i problemi.

  
Data Relatore Argomento
| 07.09.2020 C. Campagna
Agronomo
La gestione agronomica dei cereali autunno vernini
  A. Tosini
Agronomo
La scelta delle specie per produrre foraggi di qualità
| 14.09.2020 G. Borreani
Università di Torino
Sistemi foraggeri innovativi al servizio della zootecnia da latte
| 21.09.2020 I. Andrighetto Università di Padova Valorizzazione dei cereali autunno vernini nella razione della bovina da latte
| 28.09.2020 Lumin Kung University of Delaware Management of silage and critical point

>> Maggiori informazioni

 
Titolo corso                                                                                                                                                                                                                     

Corso sulla nutrizione e gestione vitelli 
   
La gestione delle vitelle fino alle manze gravide è un momento del ciclo produttivo dell’allevamento di bovine da latte che non sempre riceve un livello d’attenzione adeguato. Appaiono molti importanti le scelte nutrizionali, sanitarie e zootecniche praticate durante questa fase al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati.
Obbiettivi che possono essere sintetizzati in: avere a 24 mesi un primo parto di animali che abbiano avuto poco o nulle malattie enteriche o respiratorie, abbiano raggiunto gli standard richiesti di BCS, e soprattutto si sia garantito il massimo sviluppo del parenchima mammario. Scopo di tale corso sarà quello di dare delle indicazioni sugli impatti nutrizionali e gestionali per le vitelle ma anche come affrontare la biosicurezza e gestione di queste aree che diventano sempre più strategiche per ottimizzare la redditività aziendale.
   
   
Data Relatore Argomento
| 05.10.20 M. Van Amburgh Impatti nutrizionali e gestionali precoci sulla produttività a lungo termine dei vitelli
| 12.10.20 M. Van Amburgh Requisiti nutrizionali e di crescita target di vitelli e manze - Realizzare un sistema integrato
| 19.10.20 M. Belotti Gestione della vitellaia
| 26.10.20 E. Schiavon Biosicurezza nei vitelli

>> Maggiori informazioni

 
Titolo corso                                                                                                                                                                                                                     

Nutrizione 
   
Il periodo di transizione è un momento della vita della bovina da latte in cui i grossi cambiamenti fisiologici e la gestione stessa della mandria contribuiscono a determinare lo stato di benessere degli animali. Appaino importanti quindi l'attuazione di strategie nutrizionali e gestionali che permettono di portare le bovine al momento della produzione con un eccellente stato di salute massimizzandone la produttività e la potenzialità genetica. Sappiamo infatti che 75% circa delle patologie delle bovine da latte avviene nel mese successivo al parto e dipende da variazioni dell’assunzione di cibo e della funzione immunitaria nelle settimane prima del parto. Il modo con cui gli animali sono gestiti in questo period (periodo di transizione) può comportare importanti conseguenze sulla salute delle bovine che hanno partorito e sul successive rendimento riproduttivo. Affronteremo in questo corso come dal punto di vista nutrizionale possiamo avere nuove opportunità per migliorare le performances riproduttive ma anche come migliorare gli aspetti metabolici della bovina.
   
  
Data Relatore Argomento
| 09.11.20 T. Overton Gestione nutrizionale delle vacche da latte in transizione: strategie per ottimizzare la salute metabolica
| 16.11.20 R. Corbett Nuove opportunità per migliorare le perfomances durante la fase di transizione
| 23.11.20 T. Overton In che modo la transizione influisce sulle prestazioni riproduttive della vacca da latte
| 30.11.20 R. Corbett Come impatta la fase di transizione sulle perfomances riproduttive

>> Maggiori informazioni

 
Titolo corso                                                                                                                                                                                                                     

Asciutta selettiva 
   
Il mondo della buiatria ha subito e sta subendo una grossa pressione relativamente all’applicazione dei concetti di utilizzo razionale del farmaco, con il fine di ottenere una riduzione del consumo degli antibiotici all’interno delle aziende. Per questo nella filiera del bovino da latte, grande preoccupazione sta suscitando la richiesta di sospendere la pratica dell’utilizzo sistematico dell’antibiotico per l’asciutta, principale, se non unico, esempio di utilizzo a scopo profilattico di antibiotico in questo tipo di allevamento. Con il corso cercheremo di capire come il passaggio da un utilizzo sistematico (su tutte le bovine, indipendentemente dal loro stato sanitario o dal loro livello di rischio) ad un utilizzo selettivo (terapeutico, solo nelle bovine infette o comunque a rischio) dell’antibiotico al momento della messa in asciutta possa contribuire alla riduzione del consumo di antibiotici senza influire negativamente sulla salute e sul benessere degli animali, oltre che sulla qualità del latte. Affronteremo anche come relazionarci con gli allevatori e veterinari affinché il messaggio possa essere trasmesso in modo chiaro e quali sono stati i problemi avuti nelle nazioni che hanno attuato prima di noi questa strategia.
   
   
Data Relatore Argomento
| 02.12.20 C. Scherpenzeel Atteggiamento dei veterinari ed allevatori nei confronti dell'uso di antimicrobici e del trattamento selettivo nella fase di asciutta nei Paesi Bassi
| 09.12.20 V. Kromker 100.000 scc / ml per vacche in asciutta?
| 16.12.20 V. Kromker IQuali strumenti per supportare la terapia dell'asciutta selettiva
| 18.12.20 P. Moroni Quali strumenti per supportare la terapia dell'asciutta selettiva

>> Maggiori informazioni

 

CORSI EFFETTUATI

Titolo corso                                                                                                                 

RIPRODUZIONE BOVINE DA LATTE | Luglio 2020

    
 

HOME      |     IL POLO       |     LA SEDE      |     I CORSI     |     CONTATTI

 

POLO DI FORMAZIONE PER LO SVILUPPO AGRO ZOOTECNICO
Viale Maria, 3 00054 Maccarese - Fiumicino - Roma
Codice fiscale: 97978950588
Email: info@poloformazionemaccarese.it